Stemma Regione Veneto  Regione Veneto

Modalità di accesso ai servizi

A) Per accedere a qualsiasi forma di CONTRIBUTO ECONOMICO quale:

  • contributi comunali per Minimo Vitale e/o straordinari,
  • contributi per affitto oneroso (431/98),
  • contributi per assegno di maternità e terzo figlio,
  • contributi per le famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti (L.R.28/91) e con l'aiuto di badanti (D.G.R. 2907/2002),
  • assegno di sollievo e buono servizio per persone non autosufficienti,
  • contributi per eliminazione barriere architettoniche,
  • contributi per rientro emigranti,
  • contributi per persone con grave disabilità (L. 162/98),
  • contributi per le famiglie che assistono in casa persone con morbo di Alzheimer o altra grave demenza.

la persona interessata deve rivolgersi alla Segreteria dei Servizi Sociali.

Dopo un primo colloquio informativo, a seconda del tipo di contributo a cui la persona intende presentare domanda, viene fissato colloquio con l'assistente sociale competente per gli approfondimenti necessari e per la presa in carico.

Il caso viene successivamente valutato dall' Èquipe Funzionale Interna per la predisposizione del Progetto Assistenziale Individuale.

B) Per richiedere qualsiasi forma di ASSISTENZA DOMICILIARE, quale:

  • pasti a domicilio o in struttura,
  • cura e igiene della persona,
  • aiuto domestico,
  • trasporti e accompagnamento a visite,
  • interventi di informazione, sostegno e consulenza alle famiglie che assistono in casa persone non autosufficienti,
  • telesoccorso e telecontrollo,
  • benefici economici,

la persona interessata e/o un familiare deve rivolgersi alla Segreteria dei Servizi Sociali.

Dopo un primo colloquio informativo, a seconda del tipo di problema, viene fissato colloquio con l'assistente sociale competente per gli approfondimenti necessari.

Il caso viene poi valutato dall' Èquipe Funzionale Interna per la predisposizione del Progetto Assistenziale Individuale. Successivamente l'assistente sociale di riferimento, con gli operatori addetti all'assistenza nell' Èquipe Operativa Interna, predispone il Piano Assistenziale Individuale.

C) Per richiedere qualsiasi forma di ACCOGLIENZA o INSERIMENTO:

  • in Casa di Riposo per anziani non autosufficienti,
  • in Strutture Protette per disabili, persone affette da malattie psichiatriche, persone adulte in stato di emarginazione e abbandono.
  • in Comunità per minori e adolescenti in situazione di abbandono o rischio sociale,
  • in Cooperative Sociali o C.E.O.D. per inserimenti lavorativi di persone svantaggiate,

la persona interessata e/o un familiare deve rivolgersi alla Segreteria dei Servizi Sociali.

Dopo un primo colloquio informativo, a seconda del tipo di problema viene fissato colloquio con l'assistente sociale competente per gli approfondimenti necessari. Il caso viene quindi esaminato prima dall' Èquipe Funzionale Interna e successivamente dall' Unità di Valutazione Multidisciplinare per la predisposizione del Progetto socio-assistenziale unitario.

D) Per accedere ai servizi socio-assistenziali del CENTRO DIURNO, è sufficiente rivolgersi alla Segreteria dei Servizi Sociali, che in relazione al tipo di domanda, invierà la persona all'operatore sociale competente (assistente sociale, educatore professionale, direttore ) per gli approfondimenti necessari.

Per partecipare alle attività ricreative e di animazione che si svolgono nel Centro sia quotidianamente che periodicamente (feste, incontri, conferenze, ) è sufficiente essere cittadino anziano residente nel Comune di Montebelluna.

torna all'inizio del contenuto