Stemma Regione Veneto  Regione Veneto

Montebelluna: da domani si entra in Municipio solo su appuntamento

Pubblicata il 08/03/2020

In riferimento al DPCM pubblicato oggi nella Gazzetta Ufficiale relativamente alle nuove misure per il contenimento del Coronavirus e che classificano la provincia di Treviso – e quindi anche il territorio del Comune di Montebelluna – come “zona rossa”, l’amministrazione comunale ha introdotto una serie di misure integrative volte a contenere le possibilità di contagio.

Si tratta di misure discusse e decise nel corso della riunione ristretta avvenuta questa mattina tra i componenti del COC, il sindaco Marzio Favero, il vicesindaco Elzo Severin, l’assessore alle attività produttive, Antonio Romeo, il segretario generale, Ivano Cescon, e la dirigente del I e III settore, Fiorella Lissandron.

Oltre alle misure generali già previste dal DPCM dell’8 marzo, da domani e almeno fino al 3 aprile per i cittadini non sarà più possibile accedere al municipio se non previo appuntamento da fissare telefonicamente (i numeri sono disponibili nel sito del Comune).

CENTRALINO: 0423.6171

SEDE MUNICIPALE LOGGIA DEI GRANI:
SEDE MUNICIPALE CORSO MAZZINI 118:
SEDE CASA RONCATO:
Servizi Sociali 0423.617289 servizisociali@comune.montebelluna.tv.it

ALTRE SEDI:
Cultura 0423.617423 cultura@bibliotecamontebelluna.it

L’accesso ai Servizi Demografici (Anagrafe, Stato Civile, ecc.), all’Ufficio Scuole e all’Ufficio Messi, presso la sede municipale di corso Mazzini 118, e al Comando di Polizia Locale di via Zecchinel, avviene di persona, seguendo le disposizioni dell’attuale fase di emergenza e, dunque, in modalità contingentata.
In ogni caso è consigliato, per le sole informazioni, privilegiare il contatto telefonico.

Servizi Demografici 0423.617255 demografici@comune.montebelluna.tv.it
Ufficio Scuole 0423.617272 – 0423.617290 scuole.trasporti@comune.montebelluna.tv.it
Ufficio Messi 0423.617269 messi@comune.montebelluna.tv.it
Polizia Locale 0423.23367 polizialocale@comune.montebelluna.tv.it

Si invitano quindi i cittadini a richiedere appuntamento solo se strettamente necessario, preferendo in via prioritaria la richiesta di informazioni via telefono o mail.

Per chi si deve recare l’Ufficio Anagrafe – nell’immediato si provvederà secondo quanto sperimentato sabato e quindi con la presenza del personale della Protezione civile per regolare l’accesso.


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto