Stemma Regione Veneto  Regione Veneto

Interrogazione su Pastificio Veneto: le persone saranno ricollocate.

Pubblicata il 16/01/2020

A breve un altro progetto nella stessa sede di Busta

In relazione all’interrogazione presentata dal gruppo consigliare L’Alternativa Giusta riguardo la fine del progetto Pastificio veneto promosso dalla cooperativa Noigroup presso le ex scuole elementari di Busta, spiega il presidente della cooperativa, Fabio Panizzon“Non abbiamo ancora inviato la comunicazione ufficiale al Comune rispetto alla conclusione del progetto Pastificio veneto e lo faremo nei prossimi giorni in concomitanza con la fine della produzione e dell’attività amministrativa che avverrà entro la fine del mese.
Ricordo comunque che la cooperativa ha voluto creare uno spazio per persone disabili con un progetto in un settore nuovo per noi quale quello alimentare. Le condizioni del mercato non ci hanno purtroppo aiutato – complice la crisi - richiedendo investimenti esorbitanti per poter sostenere il progetto.
Ciononostante nei prossimi mesi certamente porteremo nello stesso spazio delle altre attività di carattere industriale o di servizi per ottemperare al nostro impegno di creare un’occupazione a persone con disabilità”.


Interviene il sindaco, Marzio Favero“Ricordo a tutti che le ex scuole elementari sono state per anni luogo di degrado. Una brutta immagine in accesso alla frazione di Busta. Quando la cooperativa Noigroup si è fatta avanti abbiamo accolto con vivo interesse la proposta.
Seguendo la norma abbiamo dovuto fare un bando pubblico per assegnare il sito in comodato d’uso gratuito a chi ne fosse stato interessato col vincolo di una destinazione a carattere sociale. La cooperativa Noigroup ha confermato il suo impegno partecipando, ha provveduto ad un esemplare intervento di recupero.
Ricordo ancora l’entusiasmo di tutti il giorno dell’inaugurazione.
Spiace che le condizioni del mercato abbiamo portato ad una contrazione delle attività. Conforta sapere che ai lavoratori è stata data un’opportunità di lavoro in altri contesti e comunque la cooperativa si sta impegnando per portare un’altra attività economica in grado di dare una risposta ad un’utenza più fragile.
Formulo i miei migliori auguri al presidente Panizzon affinché al più presto questo polo della solidarietà possa ritornare in funzione”.


 



Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto