Stemma Regione Veneto  Regione Veneto

Peppino Impastato: a Montebelluna la presentazione del libro dedicato al giornalista vittima della mafia

Pubblicata il 05/06/2019

A 41 anni dal suo assassinio, Peppino Impastato appresenta uno dei maggiori simboli di lotta alla mafia in Italia.
A lui è dedicata la serata “La voce di Impastato” in programma venerdì 7 giugno alle ore 20.45 nell’auditorium della Biblioteca comunale di Montebelluna.
Sergio Zanellato modererà la serata che presenta l’omonimo libro acura di Ivan Vadori e di Elia Falaschi (voce narrante: Bruno Lovadina).
Un'inchiesta giornalistica dipana i fili del rapporto tra Stato e mafia partendo dall'attivismo di Peppino Impastato per arrivare a Mafia Capitale e alle mafie del nord. Si ricostruiscono i fatti grazie alle testimonianze di chi la mafia la combatte in casa propria, nel proprio lavoro, nelle aule dei tribunali o sulle pagine stampate. Da don Ciotti a Giancarlo Caselli, da Franca Imbergamo a Giovanni Impastato, da Lirio Abbate a Carlo Lucarelli, un inserto fotografico d'autore arricchisce il lavoro mostrando i volti di chi lotta, senza paura e con determinazione.


Commenta l’assessore alla cultura, Debora Varaschin: “Valorizzare le figure che lasciano il segno per la loro vita fatta di esempio e ideali volti al bene comune. E’ per questo che abbiamo voluto dedicare una serata ad un personaggio che nella storia della lotta contro la mafia ha lasciato un segno indelebile, Peppino Impastato. La presentazione di un libro di una vita, di un momento storico che questa volta passa anche tramite immagini per meglio dare espressione prima di tutto ad un uomo”.


Ivan Vadori, classe 1981, è giornalista free lance. Collaboratore de Il Fatto Quotidiano, Affari Italiani, Messaggero Veneto. Da sempre in prima linea in difesa dell'art.21, promotore della cultura antimafia. È stato nel direttivo nazionale dell'associazione Annaviva, l'unica in Italia in memoria della reporter Anna Politkovskaja. È referente per il nord est di Casa Memoria Peppino e Felicia Impastato.


Elia Falaschi, classo 1980, è fotografo professionista specializzato in fotografia di spettacolo, ritrattistica e architettura. Dal 2007 collabora con l'agenzia Phocus Agency per la quale segue eventi culturali, festival e rassegne. Al suo attivo numerose pubblicazioni su libri, riviste e testate giornalistiche. Ha esposto le sue foto in mostre personali e collettive, in Italia e all'estero.


Ingresso libero.
 


Facebook Google+ Twitter
torna all'inizio del contenuto