Stemma Regione Veneto  Regione Veneto

Separazioni e divorzi davanti all'Ufficiale di Stato Civile

L’art. 12 della Legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/12/2014, la possibilità per i coniugi di comparire direttamente innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune per concludere un accordo di:
  • Separazione personale
  • di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio
  • di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio
Tale procedura semplificata è rivolta ai coniugi solo quando:
  • vi sia accordo tra loro;
  • non vi siano figli minori o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti;
  • a condizione che l’accordo non contenga patti di trasferimento patrimoniale produttivi di effetti traslativi di diritti reali su un determinato bene. L’accordo può contenere invece pattuizioni aventi per oggetto l’assegno periodico (assegno di mantenimento e divorzile). Non può contenere, per il solo divorzio, la previsione della corresponsione, in un'unica soluzione dell’assegno periodico di divorzio (c.d. liquidazione una tantum).
L’assistenza degli avvocati difensori è facoltativa.
Procedura e modalità di presentazione della domanda
E’ previsto, previo appuntamento,  un doppio passaggio dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile a distanza di non meno di 30 giorni:
  • un primo appuntamento per ricevere le  dichiarazioni dei coniugi e per la compilazione e formazione dell’accordo
  • un secondo appuntamento per la conferma dell’accordo. La mancata comparizione  nel giorno ed orario concordati, senza giustificato motivo, varrà quale rinuncia e  quindi mancata conferma dell’accordo.
Competente a ricevere l’accordo è il Comune di:
  • iscrizione dell’atto di matrimonio (e cioè il comune dove è stato celebrato il matrimonio)
  • trascrizione dell’atto di matrimonio celebrato con rito concordatario/religioso o celebrato all’estero
  • residenza di uno dei coniugi
I presupposti per la proposizione della domanda di divorzio sono:
  • devono essere trascorsi almeno 12 mesi dall’avvenuta comparizione dei coniugi davanti al Presidente del Tribunale senza che sia ripresa la convivenza tra gli stessi nel caso di separazione giudiziale
  • nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale, devono essere trascorsi  sei mesi dalla data di comparizione dei coniugi davanti al Presidente del Tribunale o dalla data certificata nell’accordo di separazione raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita da un avvocato o dalla data dell’atto contenente l’accordo concluso innanzi all’ufficiale dello stato civile.
 
Documenti da presentare
  • carta d’identità
  • le dichiarazioni sostitutive di certificazione e di atto di notorietà in base alla casistica (vedi allegati a piè di pagina)
  • sentenza di separazione o accordo di separazione raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita o accordo di separazione concluso innanzi l’Ufficiale di Stato Civile (nel caso di divorzio)
  • precedente accordo di separazione  e/o di divorzio (nel caso di richiesta di modifica delle precedenti condizioni).
Costi e modalità di pagamento 

All’atto della sottoscrizione dell’accordo di separazione consensuale, di cessazione degli effetti civile del matrimonio o di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio dovrà essere corrisposto il diritto fisso pari a € 16,00, da versare  alla Tesoreria del Comune di Montebelluna direttamente presso sportelli della Cassa di Risparmio del Veneto in Piazza Aldo Moro, 33 o con bonifico bancario utilizzando Codice IBAN:
IT 08 P 06225 12186 1000 0046 0061
Con causale “Diritto fisso per separazione consensuale o divorzio”  

Per informazioni e per fissare un appuntamento è possibile rivolgersi: Allegati:
torna all'inizio del contenuto